Variante PGT. Capisaldi di opposizione e controproposta

La Variante PGT proposta dalla maggioranza di centrodestra è un atto di pianificazione urbanistica in cui è completamente assente il progetto. Noi non ci stiamo e per questo abbiamo deciso di presentare a tutta la città i punti di opposizioni e le controproposte per un piano che affronti davvero i temi di cui Sesto ha bisogno, e se il centrodestra non permette che questo avvenga in Consiglio comunale è nostra intenzione farlo in tutta la città.

Guarda la conferenza stampa: https://www.facebook.com/pdsestosg/videos/1327271277735228

Case di Comunità e Ospedali di Comunità

Care democratiche, cari democratici,
vi comunichiamo che venerdì 10 dicembre alle ore 21 presso il Circolo Primo Levi di Via Cesare da Sesto 19 si terrà l’incontro sul tema:

“Case di comunità e Ospedali di comunità, dove stiamo andando?”
Tavola rotonda sulla Sanità locale alla luce della nuova legge di Regione Lombardia

Parteciperanno:
Carlo Borghetti Vicepresidente PD in Consiglio regionale
Vanna Avoledo Presidente Associazione Medici di Medicina Generale di Sesto SG

Introduce Grazia Trunfio Segretaria Circolo PD Enrico Berlinguer
Coordina Adriana Albini PD Sesto S. Giovanni

L’ingresso in sala sarà consentito solo con Green Pass

La serata sarà trasmessa in live sulla pagina Facebook:
https://it-it.facebook.com/pdsestosg/

Cari saluti
PD Sesto SG

Welfare ed Emarginazione Sociale

Lunedi 29 novembre ore 21
presso il Circolo Arci Torretta in Via Saint Denis 102
Incontro sul tema: “Welfare ed Emarginazione Sociale come rafforzare le misure e la rete di sostegno” – Dalle risorse del PNRR, al debitore incapiente passando per la riforma sanitaria scopriremo insieme quali strumenti e percorsi sono attivi e quali sarebbe da attivare per rispondere ai bisogni di oggi”.

Ne parliamo con:
Fabio Pizzul, Consigliere regionale Partito Democratico
Riccardo De Facci, Presidente Coop. COLCE e componente consiglio nazionale CNCA
Dialogheranno con loro le associazioni e i cittadini presenti.
Coordina l’incontro Massimo Romagnoli, referente welfare Partito Democratico Sesto San Giovanni

La transizione ecologica

Care democratiche, cari democratici,
vi comunichiamo che domenica 28 novembre alle ore 10,30 al Circolo Berlinguer si terrà l’incontro sul tema

La transizione ecologica – Stato dell’arte e prospettive future
parteciperanno:
On. Chiara Braga deputata PD, responsabile nazionale Commissione Ambiente;
Simone Negri Sindaco di Cesano Boscone e
Alessandro Russo Presidente Cap Holding

Concluderemo la mattinata con un pranzo in cui sarà possibile chiacchierare con i relatori invitati; di seguito e in allegato trovate la locandina con il menù.

Ricordiamo che chi volesse partecipare può telefonare alla sede PD allo 02/22470558 dalle ore 9,30 alle ore 16,30 oppure chiamare il n° 3484995154

Ringrazio anticipatamente chi parteciperà, cari saluti

Grazia Trunfio
Segretaria Circolo Berlinguer

Comitato per il diritto alla casa

Tutto il Partito Democratico di Sesto aderisce al presidio, indetto da Comitato per il Diritto alla Casa, Unione Inquilini Nord Milano e CIP Tagarelli, al residence Puccini di giovedì 25 novembre, nel giorno in cui è annunciata l’esecuzione degli sfratti alle persone che al momento ne sono ospitati.
Lo sfratto avviene perché l’attuale amministrazione comunale in questi anni è stata morosa verso la proprietà non riconoscendo il supporto a famiglie e persone indigenti.
Invitiamo tutti i cittadini a partecipare per chiedere al Prefetto di graduare gli sfratti: nessuna famiglia in strada ma solo passaggi “da casa a casa”.

Reinventiamo Sesto – Incontro con i cittadini

Oggi è una bella giornata per il centrosinistra di Sesto, la prima tappa di un viaggio per reinventare la nostra città, il primo mattone per costruire un’alternativa, un progetto di città diverso.

#ReinventiamoSesto

Il PGT che nasce vecchio

La Variante Generale al PGT, adottata dalla maggioranza in Consiglio Comunale, è un Piano “apolitico”. Lo ha dichiarato, con le parole, l’Assessore.
Lo ha dichiarato, con il silenzio, il Sindaco.
È una scelta che rappresenta la rinuncia, da parte della maggioranza al governo delle Città, ad esercitare il ruolo di committente nel governo delle trasformazioni. Ma anche la rinuncia a disegnare la città e ad applicare la nobile disciplina dell’urbanistica. Il disegno è demandato a fasi successive, delegato a qualcun altro. In altri termini, è un Piano di Governo che non governa ed è uno strumento di pianificazione urbanistica che non pianifica.
 
Che la politica sia assente è evidente anche dal percorso praticato. Nessun Consigliere Comunale è stato chiamato a discutere gli indirizzi politici della Variante al PGT, prima che fosse elaborata. Un Consiglio Comunale mortificato, che non è stato messo nelle condizioni di esercitare quel ruolo di indirizzo che è uno dei due che la Legge gli assegna. Di conseguenza, nessun cittadino, singolo o associato, nessun portatore d’interesse e nessun addetto ai lavori, è stato chiamato a condividere gli indirizzi alla base della redazione di uno strumento tecnico fondamentale per governare la loro comunità.
 
Eppure, il PGT ha come primo e fondamentale obiettivo quello di garantire uno sviluppo equilibrato. Nasce quindi proprio a difesa del territorio, dei suoi spazi pubblici e privati, per garantire le migliori condizioni di vita, in prima istanza, a chi ne è legittimamente proprietario: i cittadini residenti. Questo nuovo PGT, invece, persegue unicamente l’obiettivo di mettere “all’incasso” il suolo, di utilizzarlo esclusivamente come volano economico. Un obiettivo in aperto contrasto con gli interessi dei cittadini, ai quali deve essere riservata priorità di attenzione e garantita la prospettiva d’investimento nella qualità dello spazio pubblico.
Dalla destra che governa ci si aspetterebbe, almeno, a fronte della più spinta deregolamentazione, una visione liberale che si traduca in procedure di approvazione più snelle e più veloci, a fronte di regole d’ingaggio chiare fin dall’inizio. Niente di tutto questo! L’articolato della Variante prevede complicati, rigidi e centralistici iter di approvazione.
​Anche della sbandierata attenzione alle periferie nessuna traccia! Nessun segnale di attività di coordinamento sovracomunale con le municipalità limitrofe, di condivisione delle prospettive urbanistiche dei territori di margine, le periferie appunto. Nessun segnale anche sul tema delle nuove esigenze abitative e su quello della città in rete. Infine, nessun segnale neanche sulle risposte da dare alle nuove domande sociali che la pandemia ha generato, alcune di esse ormai irreversibili e destinate a mutare i nostri comportamenti.
Insomma, è un nuovo PGT che… nasce vecchio.
 
Il PD ha una posizione diametralmente opposta. Per noi i capisaldi sono: centralità della politica, investimento nel progetto, difesa dell’interesse pubblico, coinvolgimento attivo della cittadinanza, utilizzo delle procedure più snelle, fiducia nell’intelligenza e nella competenza.
 
Diamo appuntamento ai cittadini per un approfondimento sul nuovo PGT, targato Lega e Fratelli d’Italia, e sulle proposte alternative che abbiamo elaborato per ciascuna di queste e di altre criticità rilevate.

Welfare: Progettare e creare valori nel sistema socio-educativo

Il modello Reggio Emilia si fonda sulla centralità dei diritti dei bambini che, dotati di forti potenzialità, apprendono attraverso la relazione con gli altri in contesti formativi stimolanti e adeguati. Viene riconosciuta la complementarità tra i diritti dei bambini, delle famiglie e degli insegnanti.

Continua a leggere

Conflitto Israeliano-Palestinese

Per cercare di analizzare quello che è successo e quello che potrà accadere nel conflitto Israelo-Palestinese il Pd di Sesto San Giovanni ha organizzato per domani sera alle 21 un incontro online con l’on. Piero Fassino, Presidente della Commissione esteri della Camera dei deputati.

 
Partito Democartico – Sede cittadina via Cesare da Sesto,19
20099 Sesto San Giovanni
tel. 02 22470558
Facebook Pagelike Widget

© 2021 PDSestoSanGiovanni