Questa mattina ha rassegnato le dimissioni da Consigliera comunale Roberta Perego. Tutto il Partito Democratico di Sesto vuole ringraziarla per il grande lavoro svolto prima come Assessora, poi come Capogruppo in questi quattro anni e in generale all’interno del Partito.
Le motivazioni delle dimissioni sono strettamente legate a motivi familiari non più conciliabili con gli impegni politici di chi vuole portare avanti con serietà e determinazione gli impegni da consigliere comunale.

Continua a leggere

Il PGT che nasce vecchio

La Variante Generale al PGT, adottata dalla maggioranza in Consiglio Comunale, è un Piano “apolitico”. Lo ha dichiarato, con le parole, l’Assessore.
Lo ha dichiarato, con il silenzio, il Sindaco.
È una scelta che rappresenta la rinuncia, da parte della maggioranza al governo delle Città, ad esercitare il ruolo di committente nel governo delle trasformazioni. Ma anche la rinuncia a disegnare la città e ad applicare la nobile disciplina dell’urbanistica. Il disegno è demandato a fasi successive, delegato a qualcun altro. In altri termini, è un Piano di Governo che non governa ed è uno strumento di pianificazione urbanistica che non pianifica.
 
Che la politica sia assente è evidente anche dal percorso praticato. Nessun Consigliere Comunale è stato chiamato a discutere gli indirizzi politici della Variante al PGT, prima che fosse elaborata. Un Consiglio Comunale mortificato, che non è stato messo nelle condizioni di esercitare quel ruolo di indirizzo che è uno dei due che la Legge gli assegna. Di conseguenza, nessun cittadino, singolo o associato, nessun portatore d’interesse e nessun addetto ai lavori, è stato chiamato a condividere gli indirizzi alla base della redazione di uno strumento tecnico fondamentale per governare la loro comunità.
 
Eppure, il PGT ha come primo e fondamentale obiettivo quello di garantire uno sviluppo equilibrato. Nasce quindi proprio a difesa del territorio, dei suoi spazi pubblici e privati, per garantire le migliori condizioni di vita, in prima istanza, a chi ne è legittimamente proprietario: i cittadini residenti. Questo nuovo PGT, invece, persegue unicamente l’obiettivo di mettere “all’incasso” il suolo, di utilizzarlo esclusivamente come volano economico. Un obiettivo in aperto contrasto con gli interessi dei cittadini, ai quali deve essere riservata priorità di attenzione e garantita la prospettiva d’investimento nella qualità dello spazio pubblico.
Dalla destra che governa ci si aspetterebbe, almeno, a fronte della più spinta deregolamentazione, una visione liberale che si traduca in procedure di approvazione più snelle e più veloci, a fronte di regole d’ingaggio chiare fin dall’inizio. Niente di tutto questo! L’articolato della Variante prevede complicati, rigidi e centralistici iter di approvazione.
​Anche della sbandierata attenzione alle periferie nessuna traccia! Nessun segnale di attività di coordinamento sovracomunale con le municipalità limitrofe, di condivisione delle prospettive urbanistiche dei territori di margine, le periferie appunto. Nessun segnale anche sul tema delle nuove esigenze abitative e su quello della città in rete. Infine, nessun segnale neanche sulle risposte da dare alle nuove domande sociali che la pandemia ha generato, alcune di esse ormai irreversibili e destinate a mutare i nostri comportamenti.
Insomma, è un nuovo PGT che… nasce vecchio.
 
Il PD ha una posizione diametralmente opposta. Per noi i capisaldi sono: centralità della politica, investimento nel progetto, difesa dell’interesse pubblico, coinvolgimento attivo della cittadinanza, utilizzo delle procedure più snelle, fiducia nell’intelligenza e nella competenza.
 
Diamo appuntamento ai cittadini per un approfondimento sul nuovo PGT, targato Lega e Fratelli d’Italia, e sulle proposte alternative che abbiamo elaborato per ciascuna di queste e di altre criticità rilevate.

Conflitto Israeliano-Palestinese

Per cercare di analizzare quello che è successo e quello che potrà accadere nel conflitto Israelo-Palestinese il Pd di Sesto San Giovanni ha organizzato per domani sera alle 21 un incontro online con l’on. Piero Fassino, Presidente della Commissione esteri della Camera dei deputati.

 

Finalmente l’Amministrazione comunale si fa vedere in Commissione.

Come Partito Democratico non possiamo che accogliere positivamente la convocazione della terza commissione con la speranza di ottenere finalmente risposta all’interrogazione consigliare, presentata lo scorso anno, a cui l’amministrazione non ha mai dato seguito.

In particolare, noi, e i cittadini di Sesto, vorremmo capire le motivazioni della trasformazione del profilo della comunità di Cascina Gatti (da Socio Sanitario a Comunità di accoglienza Socio Educativa), dequalificando un servizio che in trent’anni ha migliorato le risposte ai bisogni e si è differenziato e perdendo significativi contributi regionali per l’attività sanitaria.

Continua a leggere

Consultazione

Progressisti nei contenuti, riformisti nei metodi, radicali nei comportamenti


Qui sotto il testo dei 21 punti su cui il nuovo Segretario Enrico Letta ha avviato una discussione aperta in tutti i Circoli, e che si concluderà (entro 31 marzo) con la compilazione di un apposito Vademecum.


Continua a leggere

La voce dei medici

Attuazione del PNRR in sanità

Alla luce dell’esperienza pandemica, la figura del medico è stata ed è tuttora protagonista. “In questa fase è opportuno riflettere e avviare un confronto con il Governo” – asserisce il dott. Filippo Anelli, Presidente FNOMCEO la Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri.
“È urgente stabilire quale sia il ruolo della professione medica, avere una definizione normativa. In seguito, porre definitivamente fine al cosiddetto ‘task shifting’ e ragionare su una corretta programmazione, su quanti Specialisti siano necessari nel Sistema Sanitario Nazionale per averne un numero sufficiente.
Inoltre, porre rimedio all’imbuto formativo: oltre 10mila medici sono fermi tra la Laurea e la Specializzazione. E soprattutto, che la gestione delle Aziende Sanitarie dovrebbe avere come punto centrale gli obiettivi di Salute e non i bilanci”.
Aggiunge il dottore: “abbiamo bisogno che i medici, e soprattutto i cittadini, possano pronunciarsi sull’organizzazione e sui traguardi da perseguire.
Ogni comunità locale dovrebbe poter esprimere le proprie esigenze e un giudizio su come viene amministrata la propria salute”.

Welfare: Progettare e creare valori nel sistema socio-educativo

Il modello Reggio Emilia si fonda sulla centralità dei diritti dei bambini che, dotati di forti potenzialità, apprendono attraverso la relazione con gli altri in contesti formativi stimolanti e adeguati. Viene riconosciuta la complementarità tra i diritti dei bambini, delle famiglie e degli insegnanti.

Continua a leggere

Prendersi cura – Incontri di educazione sanitaria

LUNEDI 24 maggio ore 18,30 – “Quali alimenti privilegiare per salvaguardare la salute” con Adriana Albini – organizzato in presenza (con un limitato numero di persone) e online dal Circolo Berlinguer di Via Grandi 11 (vedi locandina)

Per partecipare in presenza presso il Circolo
chiamare il 3484995154
online al link: https://join.skype.com/HcqVAa6vY3fr

Conflitto Israelo-Palestinese

*** L’iniziativa è stata spostata a venerdì 4 giugno ***
ci scusiamo per il disguido 

Alle ore 21:00 si parla del “Conflitto Israelo-Palestinese: una tragedia umanitaria su cui dobbiamo riflettere” con la partecipazione di Piero Fassino (vedi locandina)

Link di partecipazione: https://join.skype.com/JlM157rPgyix

Modello Sanitario Lombardo

La Pandemia da COVID 19 ci ha dimostrato come il modello Sanitario Lombardo vada completamente ripensato. Noi vogliamo un territorio capace di curare, in cui medici siano messi in condizione di garantire vicinanza, presa in carico e collaborazione con gli infermieri e con gli specialisti.

Continua a leggere

Partito Democartico – Sede cittadina via Cesare da Sesto,19
20099 Sesto San Giovanni
tel. 02 22470558
Facebook Pagelike Widget

© 2021 PDSestoSanGiovanni